Search:
MBA Ambiente Milano - Arredamento - Design
115
post-template-default,single,single-post,postid-115,single-format-standard,edgt-core-1.0.1,ajax_fade,page_not_loaded,,hudson child-child-ver-1.0.0,hudson-ver-1.9, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,blog_installed,wpb-js-composer js-comp-ver-5.2,vc_responsive

MBA Ambiente Milano

Ott 31 2017

MBA Ambiente Milano

Il pericolo amianto

La questione della bonifica da amianto (o absesto) è un argomento che ha richiamato molto interesse negli ultimi decenni ma che purtroppo continua ad interessare molte strutture sia civili che industriali e gravare sulla salute non soltanto di lavoratori ma anche di tutta la popolazione che può venire a contatto con questo pericoloso minerale.

Per poter effettuare individuazione, analisi e trattamenti di bonifica relativi all’amianto è indispensabile agire tramite imprese specializzate che siano abilitate e iscritte all’Albo Gestori Aziendali, il cui personale sia formato specificatamente per la bonifica di materiale contenente amianto.

L’amianto è un minerale dalla forma fibrosa, di cui esistono diverse varietà. Tra queste, le più diffuse sono il crisotilo, la crocidolite, l’amosite, l’antofillite e la tremolite. A seconda dei leganti in cui sono immerse le fibre, si può avere amianto compatto (cemento amianto, eternit) e amianto friabile (gesso).

Fino al 1994 l’amianto ha trovato largo impiego in edilizia per la realizzazione di comignoli, canne fumarie, lastre di copertura (eternit), pannelli verticali antincendio, coibentazioni di pareti e tubazioni, guarnizioni, pavimentazioni viniliche, vasi di espansione e scarichi.

È stato ormai appurato che fibre di cui è costituito l’amianto permangono nei tessuti delle vie respiratorie e possono originare diverse patologie sia tossiche che cancerogene.

È per questo motivo che, a partire dal 1994, sono state sviluppate delle normative che vietano la commercializzazione, la produzione e l’installazione di materiali contenenti amianto, in quanto elemento estremamente pericoloso per la salute.

Tutti i proprietari di immobili, amministratori di condominio e legali rappresentanti di fabbricati sono infatti tenuti a notificare la presenza di amianto.

Ai sensi della normativa di legge, per quanto riguarda le varie regioni, sono stati predisposti dei Piani Regionali.

 

Tecniche di bonifica dell’amianto e imprese abilitate

Per accertarsi della presenza di amianto in un manufatto è necessario rivolgersi a tecnici specializzati e abilitati da apposito patentino di Coordinatore Amianto, che possiedano l’esperienza e la formazione richiesta dagli enti preposti.

L’investigazione completa può essere eseguita per mezzo di un’analisi chimica con modalità DRX o FTIR.

È inoltre possibile rilevare per mezzo di appositi strumenti la presenza di eventuali fibre libere nell’aria in un locale contaminato da amianto.

Una volta accertata la presenza di amianto in un edificio e valutatone il rischio, la ditta specializzata potrà attuare un piano di manutenzione e controllo secondo le disposizioni del D.M. 06/09/94, monitorando lo stato di degrado dei manufatti contenenti amianto, stabilire una priorità di intervento e avviare adeguati comportamenti in caso di manutenzione o danneggiamento fino alla rimozione definitiva, gestendo così il pericolo seguendo il miglior comportamento per la salute e la sicurezza di tutti.

In base alle disposizioni di legge, le tecniche di bonifica dell’amianto possono essere:

 

  • la rimozione: elimina ogni potenziale fonte di esposizione;

 

  • – l’incapsulamento: l’amianto viene trattato con prodotti penetranti o ricoprenti che tendono ad inglobare le fibre di amianto, a ripristinare l’aderenza al supporto, a costituire una pellicola di protezione sulla superficie esposta. Il materiale, in tal modo, permane nell’edificio ed è perciò necessario mantenere un programma di controllo e manutenzione;

 

  • il confinamento: viene installata una barriera a tenuta che separi l’amianto dalle aree occupate dell’edificio. Se non si associa un incapsulamento, il rilascio di fibre continua all’interno dell’edificio. Occorre sempre un programma di controllo e manutenzione.

 

 

Una volta rimosso, l’amianto deve essere poi smaltito in una discarica autorizzata specificatamente per questa tipologia di prodotto.

La MBA Ambiente Milano s.r.l. è un’impresa specializzata in soluzioni per l’ambiente con sede a Milano, iscritta all’Albo dei Gestori Ambientali della Regione Lombardia Cat. 5 – 10, A/B, n. MI 49448, con certificazione ISO 9001, che, nel rispetto dei parametri di sicurezza e tutela della salute, offre una vasta gamma di servizi di analisi e di bonifica riguardanti amianto, acqua e terreni inquinati, compresa la messa in sicurezza di serbatoi e cisterne e la disinfezione chimica da colonie di Legionella.

Grazie al supporto tecnico di esperti specializzati, la MBA Ambiente Milano garantisce quindi la valutazione e la scelta delle azioni da intraprendere in base ai rilievi e alle analisi effettuate.

Per quanto riguarda l’amianto, la MBA Ambiente Milano gestisce in modo completo l’individuazione, la verifica e la bonifica da amianto, garantendo l’eliminazione del rischio di inquinamento dovuto al rilascio di tali fibre nell’ambiente circostante.

Per quanto riguarda tutti i servizi offerti dalla MBA Ambiente Milano, è possibile visitare il sito www.mbamilano.it, dove è possibile richiedere un sopralluogo ed anche scaricare in PDF la diversa documentazione inerente i vari servizi offerti, quali il testo PRAL, la Legge 27 marzo 1992 e il Decreto Ministeriale 06709/94 relativo all’amianto, il Decreto Legislativo 31.2001 relativo alla qualità delle acque destinate al consumo umano, le linee guida ARPA sui serbatoi interrati, il documento delle linee guida per la prevenzione e il controllo della legionellosi, nonchè il DDGS Lombardia 1751 – 2009 e il DDGS Lombardia 2907 – 2005, e il Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n. 152 relativo alle norme in materia ambientale.

 

 

Share Post
redazione
[email protected]